Sito in vendita
Storia delle Terme
OFFERTE
TERME IN
VENETO


Vacanze benessere
e relax nelle migliori
località termali Veneto
 
OFFERTE LAST MINUTE: pacchetti e promozioni speciali in offerta per sconti last minute
CURE REUMATISMI MALATTIE REUMATICHE: trattamenti e cure di malattie e dolori articolari legate ai reumatismi
CALCOLI SOTTO CONTROLLO: cure e trattamenti termali per prevenire e combattere i calcoli renali
DESTINAZIONI TERMALI: destinazioni in Veneto per vacanze termali
TERME EUGANEE: cure e trattamenti alle Terme Euganee
DIGESTIONE ASSICURATA: cure termali per patologie gastrointestinali (come gastriti ed ulcere)
STORIA TERME: storia termale dei migliori centri e stabilimenti nel Veneto
DENTI CROAZIA: dentisti, odontoiatri e cure dentali oltre il confine

Storia delle Terme Euganee e dei centri termali in Veneto

Le storie di Abano e Montegrotto, tra i centri più famosi d'Europa

Qui le acque erano considerate sacre
Antica e ricca di fasti è la storia delle terme in Veneto. "...Il suolo molle ansima e racchiusa sotto la pomice ribollente l'onda scava vie screpolate. [...] Nel mezzo come un mare che ribolle per largo tratto, si estende un lago azzurro, con grandissimo giro, che occupa un enorme spazio...". Così Claudio Claudiano, poeta di origine alessandrina, descriveva il lago sacro che si estendeva nel territorio delle attuali Terme Euganee.

Il lago, di forma tonda e delle dimensioni di circa due chilometri quadrati, sorgeva a Montegrotto, fra Colle Montagnone e Monte Castello. Le esalazioni sulfuree che scaturivano in modo potente, venivano considerata un dono divino, venendo addirittura venerate con offerte. Ma fu solo con l'arrivo dei Romani, a partire dal II Sec. a.C., che il lago perse la sua aurea sacra per trasformare così Montegrotto in una grande località termale. Il rinomato stabilimento termale passò un periodo buio in termini economici ed urbanistici, dovuto principalmente alla caduta dell'Impero Romano d'Occidente; il periodo buio passò con l'arrivo della nobiltà della Serenissima che, a partire dal 1400, riportarono Montegrotto agli antichi splendori mondani termali, facendo tornare lo stabilimento alla sua normale attività di svago e di cura. I primi studi scientifici sulle potenzialità curative e sulla composizione delle acque avvenirono in epoca moderna, a partire dal 1700, quando il loro utilizzo a scopo terapeutico (ad esempio attraverso i fanghi termali), ha portato allo sviluppo delle Terme Euganee inserendole fra le più famose ed apprezzate mete del turismo termale d'Europa.


Similare è la storia di Abano, a oggi una delle località termali più rinomate in Europa.

Il nome deriva dal grego aponos (senza dolore). Plinio, Marziale, Tito Livio ed altre celebri personalità dell'antica Roma apprezzarono le qualità delle acque termali euganee e le considerarono sacre anche perchè il luogo in cui scaturivano era sede di oracoli. Distrutte e ricostruite più volte durante il Medioevo, le terme attirarono l'interesse scientifico degli studiosi dell'Università di Padova che, nel periodo rinascimentale, ne studiarono e certificarono le proprietà terapeutiche ponendo le basi per il grande recupero di questa località. Una curiosità: Abano Terme era davvero speciale: non si capisce coma mai, altrimenti, un personaggio come Gabriele D'Annunzio avesse scelto proprio la località padovana per dare il via ad una delle sue più note imprese. Fu proprio ad Abano, infatti, che il Vate stampò i quasi 400mila volantini che avrebbe lanciato dal cielo sopra Vienna durante la celebre trasvolata del 9 agosto 1918. Quella mattina, il luogo prescelo per la partenza fu il campo di aviazione di San Pelagio, situato nel bel mezzo dei principali centri termali euganei. Le cronache dell'epoca raccontano che gli austriaci rimasero per venti minuti col naso all'insù, mentre i nove apparecchi, giunti a destinazione dopo quattro ore di viaggio, volavano sopra le loro teste. Sui volantini era impressa una provocatoria esortazione alla resa, redatta dallo stesso D'Annunzio e, in tedesco, da Ugo Ojetti.

Era già nota agli antichi Romani anche Battaglia Terme. L'apertura, nel Medioevo, di un canale navigabile, permise la riscoperta delle proprietà benefiche delle sue terme e consentì lo sviluppo di attività commerciali ed artigianali, grazie alle quali se ne diffuse la notorietà che dura fino ai nostri tempi. Ma non è solo l'area termale euganea, in Veneto, a poter vantare origini antiche.

Scoperta nel 1600, l'acqua di Recoaro, nelle montagne di Vicenza, venne considerata fin da subito un bene inestimabile (dal governo della Repubblica di Venezia), di conseguenza un bene da porre sotto protezione tutelando la sua unicità. Per sfruttare al meglio il potenziale termale e curativo delle sue acque, già alla fine del 1700 fu costruito il primo centro termale; nel 1800 sorsero invece i primi hotel ed alberghi per offrire strutture ricettive di alta qualità a chi necessitava dei trattamenti termali. La fama di Recoaro si estete a tutta l'Europa ed attirò una clientela internazionale specialmente nella Belle Epoque quando furono costruiti alberghi e ville in stile Liberty. Attualmente il complesso termale è formato da quattro stabilimenti.

Più recente è la storia del Parco Termale del Garda di Colà Lazise, nel veronese. La sorgente termale è stata scoperta solo nel 1989 all'interno del parco secolare della settecentesca Villa dei Cedri. Il riconoscimento ufficiale delle proprietà terapeutiche dell'acqua (1996) ha portato all'avvio, nel 1997, dell'attrezzatissimo centro.

Week end Terme spa Veneto | Centri Termali del Veneto | Località Termali Veneto | Hotel Veneto | Viaggi Vacanze Veneto vicino al mare | Centri e Stabilimenti Termali al lago | Soggiorni Termali in montagna e vicino
Storia dei centri e stabilimenti termali del Veneto